VISTA SUL TRAMONTO DAL BALCONE DELLA CAMERA
Tramonto al Ventaclub ILIADE di Djerba

 

 

 

 

 

 

GIARDINO-PISCINA-SPIAGGIA-E MARE STUPENDO !
La piscina all'aperto del Ventaclub ILIADE di Djerba

 

TORNA A INIZIO PAGINA

 

TORNA AI VIAGGI

 


 

 

Djerba - Tunisia 1994

 TORNA ALLA PAGINA DEI VIAGGI

Spesso avrete sentito parlare del mal d'Africa, la cosa quando viene raccontata fa uno strano effetto si pensa subito a qualcosa d'inimmaginabile, ad una malattia strana che assale l'ignaro turista.

In effetti se c'è una certezza è proprio quella che il mal d'Africa esiste davvero. Lo sbarco nella terra del sole non può che lasciare sbalorditi; almeno per quanto riguarda la prima volta, il paesaggio assume sfumature mai viste (la fotografia qui a fianco ne è la testimonianza diretta).

Se poi a quest'immane bellezza naturale abbinate il relax e l'allegria di un ottimo club vacanze, il cocktail è perfetto e una volta bevuto tutto sarete già pronti per organizzare la prossima vacanza a Djerba.

L'isola che tutti ormai conoscono come "La Perla del Mediterraneo" è situata a sole 2 ore scarse di volo da Milano Malpensa. Si arriva all'aeroporto di Djerba che dista circa 30 minuti di viaggio in pullmann dal Ventaclub Iliade, (dal '95 a fianco è sorto anche l'Helios) e il tragitto dà subito modo di sbirciare lungo le strade gli usi e le abitudini della popolazione locale.

Neanche il tempo di guardare in giro che ci si ritrova di fronte alla maestosa entrata del Ventaclub. Varcata la soglia, si entra in un mondo di splendidi marmi e mosaici (con tanto di fontana nel centro della hall). L'accoglienza è speciale, a base di cocktail di benvenuto, e poi via con l'assegnazione delle camere. Stupende, tutte con balconcino privato, aria condizionata, televisione, un piccolo salottino e un mega bagno.

Il pranzo e la cena sono a buffet (ora esiste la formula "all inclusive") e chi lo desidera può cenare sulla spiaggia nel ristorante da prenotare gratuitamente entro le 10 del mattino.

Dire che c'è una piscina è riduttivo, primo perchè ce ne sono 2 una coperta e una all'aperto, che in realtà sarebbe meglio definire laghetto (foto a sinistra). Particolarità graditissima il bar al centro della piscina con sgabelli fissi sotto il pelo dell'acqua.

Gite consigliate? L'isola dei fenicotteri, il giro in barca a vedere i delfini e i canyon dove furono girate le riprese del film Guerre Stellari. Chiaramente sono tutte da pagare in loco.

Gite sconsigliate? Sicuramente il tour delle oasi (più che altro perchè massacrante, 2 pullmann fermi sotto il sole senza acqua e radio nello stesso istante) e la 2 notti tra i Tuareg nel deserto (per chi fa una settimana si perdono quasi tre giorni).

Un ultimo consiglio, chi si decidesse ad andare in Tunisia, ricordi di portare valuta europea o dollari americani in piccoli tagli. Nel villaggio esiste il sistema delle palline, ad ogni colore corrisponde una cifra e una volta cambiate non vi verranno ricambiate in caso di eccesso. In Tunisia vige una legge che non permette di esportare valuta locale (ve la faranno consegnare all'aeroporto) quindi occhio a quanto si cambia in dinari, rischiate di doverli regalare al governo tunisino.

 

TORNA A INIZIO PAGINA

TORNA AI VIAGGI